Tu sei qui

ASSOCIAZIONE HISTORICA LUCENSE

Scheda associazione

Iscrizione provinciale: 
135
Ragione sociale:
ASSOCIAZIONE HISTORICA LUCENSE
Data costituzione associazione: 
29/12/2006
Codice fiscale: 
92041220465
Indirizzo sede legale: 
Via Lorenzo Nottolini, 484 Loc. San Concordio
CAP: 
55 100
Comune: 
Lucca
Provincia: 
Lucca
Telefono: 
0583/490617
Cellulare: 
327 7990959
Fax: 
0583/490617
E-mail: 
historicalucense@altervista.org
Posta Elettronica Certificata: 
historicalucense@pec.it
Email alternativa: 
giabr11@alice.it
Sito internet: 
www.historicalucense.altervista.org
Indirizzo postale: 
c/o Mario Parensi Via dei Berti 324/J S. Pietro a Vico 55100 Lucca
Totale soci: 
32
Codice sezione: 
Tipo B
Settore prevalente: 
CULTURALE EDUCATIVO E DI RICERCA ETICA E SPIRITUALE
Altri settori:
  1. SPORTIVO RICREATIVO
Codice attivita prevalente:
Tradizioni e folklore
Altre attività:
  1. Attivita ricreativa

Iscrizione
Decreto iscrizione: Det. Dir. n. 66
Data iscrizione: 03-07-2008
File decreto iscrizione: D.D Historica.pdf

Variazioni
Decreto variazione:
Data variazione:
File decreto variazione:

Cancellazione
Decreto cancellazione:
Data cancellazione:
File decreto cancellazione:

Storia: 
L’Associazione è aderente al CERS (Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche ) e svolge attività di studio,documentazione e Rievocazione Storica, particolarmente riferite all’ultimo quarto del XV° secolo e primo trentennio del XVI° secolo in Italia. In occasione del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia,si è costituita la Sezione di Artiglieria Garibaldina “Tito Strocchi” con un pezzo di artiglieria del 1800 da 1 libbra,un ufficiale e serventi al pezzo in divisa Garibaldina, che ha già partecipato ad eventi ed onoranze legate al nostro Risorgimento. Si sono svolte ricerche e pubblicato un saggio riguardante storia e memoria del Reggimento Cavalleggeri di Lucca(16°) nel 150° anniversario della sua formazione (185972009) e, a seguito di un lavoro di ricerca il loco e presso l’Archivio di Stato di Lucca, si è scoperta la fornace dell’antica Fonderia delle Artiglierie delle Mura, forse anteriore al 1574, oggetto, a seguito, di un esauriente articolo dell’Archeologo Dott. Ridella sul n° 15 di Archeologia Postmedievale e di relazioni in Simposi internazionali. Per parte della nostra attività vi è una dotazione di balestre da imbraccio di tipologie derivate da documentazione storica per periodi della seconda metà del 1400 e prima metà del 1500. L’esperienza della riproduzione e uso delle Artiglierie a polvere nera riferite alla fine del 1400 -prima metà del 1500, utilizzabili per il solo sparo a salve a fini scenografici, è iniziata con la realizzazione di due piccoli pezzi da campo riferiti alla seconda metà/ ultimo quarto del 1400,ossia una “serpentina” (Santa Croce)ed un “crapaudeau” a mascolo ( “Florentia”) seguiti da un ulteriore pezzo sempre a mascolo (“ La Guelfa/Monna Berta” ), da un cannoncino da murata su banco ( “La Lucchesina” ), da un cannoncino da rampo, da un pezzo da montagna ad avancarica il cui originale è conservato presso il Museo di Arte e Storia di Ginevra ( “La Savoiarda” ); nel corso del 2009 sono stati realizzati: un Ribadocchino a 5 canne affiancate (“La Ribalda”) con meccanismo di alzo documentato in un disegno di Leonardo da Vinci (Codice Atlantico), un Falconetto da Bastione da 2 libbre – ispirato dai bassorilievi delle lastre di basamento del Palazzo Ducale di Urbino – che assume il nome di “La Ducale” e infine uno “Smeriglio” delle Mura di inizio 1500 denominato “La Pantera”. La veauglaire “Santa Croce” è attualmente in carico a Jurghen Dorn della Brettener Artillerie 1504 di Bretten (Baden). Un ulteriore “Smeriglio” delle Artiglierie Lucchesi delle Mura è stato ricostruito da Studenti e Docenti dell’ I.T.I.S. Enrico Fermi, su nostra riprogettazione da disegni originali. L’Insegna, derivata da uno Stemmario del 1525 conservato alla Biblioteca Universitaria di Heidelberg e realizzata dall’Artista di Bagni di Lucca Contrucci Virgilio, riporta in campo bianco uno scudo ovale al troncato di bianco e rosso, sormontato dalla Corona Ducale di Lucca, con nel cuore una pantera trionfante al naturale con una zampa posta a tenere un ‘altro scudo ovale di blu alla scritta LIBERTAS d’oro; il tutto sovrastante due cannoni antichi incrociati e circondato da una cordigliera. E’ stato aggiunto un cartiglio con il Motto dell’Arma di Artiglieria “Semper Ubiqumque”; emblema portato dai Soci sul copricapo è la medaglia in foggia medievale di Santa Barbara; in più i Bombardieri portano un pezzetto di miccia annodata e sfrangiata a mò di fiore. A Lucca si effettua varia attività di animazione e ricostruzione storica presso il Sotterraneo delle Mura dietro Piazza del Collegio, organizziamo ogni anno, per la Festa di San Paolino in Luglio, la Gazzarra delle Artiglierie a ricordo della formazione del Corpo dei Bombardieri delle Mura nel 1524 e del Miracolo di San Paolino del 1664. La “Gazzarra delle Artiglierie” di Lucca, riproposta dalla nostra Associazione, è inserita nell’Albo delle Manifestazioni di Rievocazione Storica della Regione Toscana in base alla Legge Regionale 5/2012. Per le Festività di Santa Croce, oltre alla “Gazzarra d’Artiglieria per la Santa Croce”, si rievoca e ricostruisce l’antico sistema d’allarme basato su colpi d’artiglieria e segnali visivi dalle Fortezze e Torri d’avvistamento nel territorio della Repubblica di Lucca, denominato “L’Occhio di Lucca”, in essere fino al 1799
Finalità: 
Attività di aggregazione e studio a fini di Rievocazione e Ricostruzione Storica con conseguente attività di drammatizzazione e spettacolarizzazione di personaggi e atteggiamenti, storicamente corretti del passato.
Rappresentante legale: 
Parensi Mario